Le parole e le immagini per dirlo Immigrazione

IL FUTURO È GIÀ IERI

data

orario

luogo

protagonisti

10 Ottobre 2015 10:30 - 12:30 Aula Prodi, Università di Bologna, Piazza San Giovanni in Monte 2 Raffaella Cosentino
il futuro è già ieri
“Di colore” siamo tutti, allora perché chiamare così solo i “neri”? È uno tsunami umano. I salvataggi di profughi che naufragano sono associati a una sciagura nell’immaginario collettivo.
Sono oltre trecento le parole e locuzioni di questo tipo analizzate all’interno del sito di “Parlare civile”. Sono le più usate dai media e nel linguaggio comune.
L’immigrazione è la sezione più corposa del sito, con 70 schede-parola, da “clandestino” a “rifugiato”, a “efferato”, a “permesso di soggiorno. Di fronte alle etichette più frequenti, come clandestino, vù cumprà e nomadi, cerchiamo sempre di suggerire delle alternative.
Ma anche le immagini, molto più delle parole, creano etichette e generalizzazioni su fenomeni sociali complessi che coinvolgono le fasce più deboli o minoritarie della popolazione.

A cura di
Marco Stancati

Conduce 
Raffaella Cosentino

Evento formativo valido per la FPC Giornalisti 2015